Crea sito

A “La Gente vuole il Goal “, Massimo Campo : “Ko Reggina? Niente allarmismi, restare compatti. Che emozione l’esordio in Serie A”

L’ex attaccante amaranto, ospite ieri in collegamento telefonico alla trasmissione “La Gente vuole il Goal”, andata in onda su Radio Touring 104, ha parlato del campionato della Reggina, analizzando il primo ko subito ad opera della Cavese.

Tutti i tifosi della Reggina ricorderanno certamente con piacere, Massimo Campo, attaccante che ha vestito la maglia amaranto dal 1997 al gennaio del 2000, totalizzando 29 presenze e 4 reti realizzate. Nella sua esperienza in riva allo Stretto, Campo è stato uno dei protagonisti di quella Reggina, che nella stagione 98/99 conquistò la prima storica promozione in Serie A. Nel suo intervento, Massimo ha analizzato la stagione della Reggina, soprattutto dopo il primo ko rimediato sabato al Menti di Castellammare, contro la Cavese. Indimenticabili gli anni vissuti da calciatore a Reggio Calabria, dove racconta le sue emozioni vissute nell’esordio in Serie A, in casa della Juventus di Del Piero e Zidane. Ecco riportate in seguito, le dichiarazioni rilasciate da parte dell’ex attaccante amaranto.

Ciao Massimo, come valuti la stagione dei ragazzi di mister Toscano e che ripercussioni potrebbe avere la prima sconfitta in campionato ?

“Il campionato della Reggina è straordinario, Toscano è un ottimo allenatore, lo conosco bene, avendoci giocato insieme. Questo ko non deve creare allarmismi, bisogna essere uniti e compatti. Ricordo quando perdemmo malamente a Verona, fummo poi bravi a ricompattarci e a reagire subito. Il mister, sa cosa fare in queste situazioni. Sono certo che la Reggina gestirà al meglio il suo vantaggio sulle inseguitrici. E’ sempre meglio essere avanti anziché rincorrere”.

Che differenze trovi tra quella Reggina del 99 e questa attuale ?

“Ricordo che in quel campionato non partimmo bene, poi siamo riusciti a trovare la quadra, diventando sempre più squadra e a fare una cavalcata pazzesca fino a compiere una vera e propria impresa. Questa Reggina, invece è partita come favorita alla promozione, essendo stata costruita per vincere il campionato”.

Cosa hai provato quando hai esordito in Serie A con la maglia amaranto ?

“E’ stato un momento unico che porterò sempre con me. Ti assicuro che ancor prima dell’esordio nella massima serie fu un’emozione incredibile già all’indomani della promozione, vivendo da giugno fino all’inizio della stagione delle sensazioni incredibili. Ancor prima dell’inizio del campionato, ricordo con piacere il goal in Coppa Italia nel derby vinto contro il Cosenza”.

Foto- Telemia